Come tornare a Windows 10

Come tornare a Windows 10

Come tornare a Windows 10?

Se avete da poco installato Windows 11 ma per qualche motivo non vi piace e avete voglia di tornare a Windows 10 basta che facciate clic su Start di Windows 11 e digitate Opzioni di ripristino. Una volta che vi troverete nella suddetta impostazione, potrete trovare il pulsante per togliere Windows 11 e ripristinare l’installazione di Windows 10.

Vediamo proprio in questa guida come fare per tornare a Windows 10 da Windows 11 in semplici e chiari passaggi.

Tornare a Windows 10 da Windows 11

Quando avrete faggio l’aggiornamento a Windows 11 avrete solamente 10 giorni di tempo per poter tornare di nuovo a W10, una volta che scadrà questo termine non avrete più la possibilità di ripristinare Windows 10.

Se premete Windows+X e poi cliccate su Windows Terminal (Admin) vi si aprirà una finestra PowerShell. Qui dovrete digitare dism /Online /Get-OSUninstallWindow e avrete la conferma della finestra temporale che è disponibile per la disinstallazione di Windows 11.

Se vi dovesse spuntare: errore Impossibile trovare elemento vuol dire non potrete più ripristinare Windows 10 e togliere Windows 11 perché la cartella di backup di Windows.old che era necessaria per tornare alla precedente versione è stata automaticamente rimossa.

Dopo che avrete aggiornato a Windows 11 il vostro PC vi consigliamo di digitare il comando dalla finestra PowerShell aperta con i diritti amministrativi in modo da portare a 60 giorni il periodo per tornare a Windows 10 e si fa così:

  • dism /Online /Set-OSUninstallWindow /Value:60.

Come vedrete, se prima i giorni per disinstallare Windows 11 e tornare a Windows 10 risultavano 10, adesso con il comando detto sono diventati 60. Tale comando dism /Online /Initiate-OSUninstall permette di avviare il ripristino di Windows 10.

Come ripristino Windows 10 se Windows 11 non va più

Se per un qualsiasi motivo avete Windows 11 e non si avvia più e quindi avete necessità di fare ritorno a Windows 10, c’è la possibilità di fare riferimento al menù per avvio di emergenza.

Dopo che avverranno due mancati avvii di Windows 11 sarò effettuato automaticamente il boot dal menu di emergenza del vostro sistema operativo. Dovete fare clic su Opzioni avanzate e su icona de Risoluzione dei problemi. Quando vi compare la schermata dovrete selezionare Opzioni avanzate.

Fatto questo, quando siete nella schermata Opzioni avanzate dovete scegliere l’icona Disinstalla aggiornamenti. E come ultimo passo al fine di rimuovere Windows 11 e tornare a Windows 10, dovete fare clic su Disinstalla ultimo aggiornamento delle funzionalità.

Anche se c’è scritto “aggiornamento delle funzionalità” così facendo verrà lo stesso annullata l’installazione di Windows 11 e sarà ripristinato Windows 10. La cosa importante è che per tutto il periodo del test in cui avete aggiornato da Windows 10 a Windows 11 non dovete installare alcuna feature update per Windows 11, in caso contrario il ripristino del precedente sistema operativo non potrà essere possibile.

Leggi anche:
Come scaricare Windows 11

Eseguire un’installazione personalizzata di Windows 10

In ultimo, esiste un’altra opzione se la cartella Windows.old è ormai stata cancellata e non funzionano tutti i metodi descritti poc’anzi, quindi non si può tornare a Windows 10, è possibile fare partire la procedura d’installazione di Windows 10 tramite un supporto USB che è stato creato con l’utilità Media Creation Tool.

Dopo che avrete eseguito il Media Creation Tool dovete selezionare Crea supporti di installazione e inserire una chiavetta USB di 8 GB in modo che siano inseriti tutti i file d’installazione di Windows 10.

Quando riavviate il sistema sulla quale si è installato Windows 11, dalla chiavetta contenente i file d’installazione di Windows 10 si deve fare clic su Avanti in corrispondenza di ciò che compare nella schermata. Poi dovete cliccare su Installa e vedrete avviata la routine di installazione di Windows 10.

Il codice della Product Key può essere inserito in seguito, quindi, una volta che avrete selezionato quella che sarà l’edizione di Windows 10 da installare, dovrete anche accettare le condizioni di licenza d’uso.
Dovrete aver di fronte a voi la schermata più importante, dove vi è la possibilità di scelta dell’installazione di Windows 10 quale aggiornamento o “personalizzata”.

Qui è importante fare la scelta Personalizzata: poi installate solo Windows (opzione avanzata) e scegliete la partizione che contiene l’attuale installazione di Windows 11. Per poter installare Windows 10 è importante che nella stessa partizione risultino presenti 10 GB di spazio libero.

Quando vedrete comparire il messaggio: “Se la partizione che hai scelto contiene file di un’installazione precedente di Windows, i file e le cartelle verranno trasformati in una cartella chiamata Windows.old” fate clic su OK.

A installazione di Windows 10 terminata, dovrete accedere alla cartella Windows.old dove ci saranno tutti i dati salvati all’interno della directory Windows.old\Users, qui è opportuno copiarli da una parte, tenendo a mente che con impostazione predefinita la cartella di Windows.old sarà eliminata dopo 10 giorni.

Per cui, tutti i programmi che avrete usato prima con Windows 11 dovranno essere installati di nuovo, ma in Windows.old potrete trovare comunque il contenuto di tutte le precedenti cartelle usate dalle applicazioni. Poi potete ripristinare impostazioni e preferenze di tutti programmi che di solito sono conservate nelle cartelle di sistema \Windows.old\Utenti\NOME_UTENTE\AppData e \Windows.old\Utenti\ProgramData.

Invece, nella cartella Windows.old\Windows\System32\config troverete anche una copia di backup del registro del sistema che avete usato in Windows 11. Qui l’utilità Mitec Windows Registry Recovery (WRR) potrà essere utilizzata per poter leggere il contenuto ed estrarre delle configurazioni personalizzate, codici Product Key, impostazioni e via dicendo.

In ultimo, potrete anche aprire l’Editor del registro di sistema di Windows 10 e potrete usare Carica hive. In questo modo per montare il contenuto della chiave SOFTWARE di installazione di Windows 11 basta selezionare il ramo HKEY_LOCAL_MACHINE, fare clic su File, Carica hive e selezionare il file Windows.old\Windows\System32\config\SOFTWARE.

In questo modo avrete anche accesso al contenuto della chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE che avrà una marea di impostazioni di tutti i programmi che sono stati utilizzati in Windows 11. Gli utenti che saranno esperti potranno dunque esportare le chiavi d’interesse proprio dalla copia del registro di sistema Windows 11 e importarle in Windows 10.

Ti potrebbe interessare anche:


Valentina Bindi

Appassionata della scrittura di articoli, amante della tecnologia ed interessata a tutto quello che ruota attorno al mondo della comunicazione. Scrivo articoli per aiutarvi e consigliarvi nella scelta migliore.

Consigli, recensioni suggerimenti!

Se non hai trovato quello che cercavi chiedi consiglio nel forum!

La dicitura: “Link pubblicitario”, fa riferimento ad un link pubblicitario legato al programma di Amazon Affiliazione. Il sito che stai visitando partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate. In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

©tecnologiacasa.it | P.Iva: 03951420045 | Contatti – PrivacyCookie | Sitemap